Il Co.Br.A non è un serpente! Avanguardia in mostra a Roma

in: Pubblications nessun commento

Co.Br.A. è il nome del movimento artistico nato a Parigi nel 1948 dal pittore e teorico danese Asger Jorn (1914-1973), dal pittore e poeta belga Christian Dotremont (1922-1979) e dai tre pittori e scultori olandesi: Constant (1920-2010), Karel Appel (1921-2006) e Corneille (1922-2010), quest’ultimo anche poeta. L’acronimo Co.Br.A, deriva dall’unione delle iniziali delle tre capitali di provenienza dei fondatori del movimento: Copenaghen, Bruxelles e Amsterdam; lo stesso del rettile velenoso e aggressivo che bene si adatta a simboleggiare l’atteggiamento rivoluzionario nei riguardi dell’arte del futuro.


pittura astratta dai colori vivaci
Corneille, Jour-d’été, 1957_DIE GALERIE Frankfurt am Main © Corneille by SIAE 2015

 

La mostra retrospettiva, visibile fino al 3 aprile presso la fondazione Roma di Palazzo Cipolla, ripercorre le tappe fondamentali della prima grande avanguardia di respiro internazionale del secondo dopoguerra, attraverso dipinti, sculture e lavori su carta. L’allestimento proposto è avvolgente e guida lo spettatore nello spazio labirintico attraverso bande di colore e, nonostante il trionfo dell’attività creativa collettiva, anti- specialistica, spontanea, fuori da ogni regola convenzionale , a ciascuno dei protagonisti è dedicato un ambiente.
 

pittura astratta Constant, Femme qui a blessé un oiseau avec une feuille morte, 1949_Olio su tela
109 x 95 cm
Kunsthalle Emden – Stiftung Henri und Eske Nannen und Schenkung Otto van de Loo
© Constant by SIAE 2015

Il colore insieme alla violenza del gesto pittorico, ben testimoniano lo spirito degli artisti che aderirono: una creatività libera e nutrita da un vibrante entusiasmo spontaneo. L’immaginario dei Co.Br.A è connotato da esplosive accensioni cromatiche materiche e figurazioni provocatorie simboliche, grottesche e favolistiche, violente e gioiose, ironiche e poetiche: strane figure, volti deformati e animali fantastici come cani, gatti e stani uccelli.
Gli artisti Co.Br.A furono anche capaci di scoprire nuovi materiali e strumenti: vernici acriliche, smalti, stucco, sabbia, fango, lavorati con pennelli anche di grandi dimensioni (un metro), coltelli, spatole, raschietti.
 
 

pittura astratta multicolore Pierre Alechinsky, Le point du jour, 1966_DIE GALERIE, Frankfurt am Main © Pierre Alechinsky by SIAE 2015

CoBrA è stato, pur nella sua breve esistenza raggiungnse i 50 membri, un sodalizio di artisti visivi e letterari: dalla sinergia di immagine e parola furono prodotti lavori sritto-pittorici soprattutto da Christian Dotremont.
Una parte della mostra è dedicata ai disegni – di pregevole fattezza e raffinati accostamenti cromatici – e alle pubblicazione “Bibliothèque de Cobra” e “Cobra”. Importante considerare che gli esponenti del movimento sono stati tra i protagonisti delle avanguardie artistiche e letterarie europee; impegnati politicamente contro l’ideologia capitalistica e il conformismo della società borghese (con posizioni marxiste e libertarie).
 

pittura astratta Constant, Concentratiekamp, 1950_Olio su tela, 110 x 100 cm, Stedelijk Museum Amsterdam © Constant by SIAE 2015

In campo artistico si oppongono alla fredda razionalità dell’astrattismo geometrico di matrice neoplastica e bauhausiana; alla retorica del realismo socialista sovietico e contro il modernismo formalista degli artisti postcubisti e dell’astrattismo lirico della “scuola di Parigi”. Invece, l’automatismo, il fascino per la dimensione irrazionale inconscia, l’interesse per la creatività primitiva, infantile e degli alienate – aspetti tipici del surrealismo – sono rielaborati in una inedita chiave di sperimentazione spontanea e materialista, e in stretta connessione con la dimensione dell’immaginario collettivo popolare.
Non sarà difficile ritracciare i collegamenti e le affinità con il lavoro di Vasilij Kandinskij, Joan Miró, Paul Klee, Jean Dubuffet che furono infatti importanti punti di riferimento. Inoltre è ben presente anche la drammatica e intensa visionarietà degli espressionisti nordici come Edvard Munch, James Ensor ed Emil Nolde.

pittura astratta con predominanza di colori: rosso nero verde Karel Appel, Begging Children, 1948_DIE GALERIE, Frankfurt am Main
© Karel Appel Foundation by SIAE 2015 per Karel Appel

Considerando le interrelazioni che il gruppo ebbe con una fitta rosa di artisti provenienti da diversi paesi europei, in mostra sono proposte le esperienze non solo in Danimarca, Olanda, Belgio ma anche in Germania, Gran Bretagna, Francia e Italia che vede contaminata la ricerca artistica di Enrico Baj di cui sono proposti diversi lavori al termine del percorso.
Un gruppo senza eguali che ha fortemente contribuito alla formazione di una cultura europea, riuscendo a lasciare una forte eredità espressiva non solo in campo pittorico ma anche scultoreo, rintracciabile in movimenti delle ricerche di area informale alle esperienze internazionali del neoespressionismo e dei Neue Wilde di area germanica, dalla Figuration libre francese al graffitismo americano.
Ma, il valore del gruppo Co.Br.A non è solamente da rintracciare all’interno della sfera artistica, dunque non solo per la rottura con le avanguardie precedenti e l’affermazione delle sue prorompenti idee estetiche, ma soprattutto per aver intuito la necessità di superare le frontiere dei singoli paesi e affermare un concetto di arte e vita transnazionale (aspetto più che mai da considerare nel periodo attuale).
 

pittura astratta Asger Jorn, Ravnen,1952_lio su masonite, 38 x 51 cm, Collezione Privata, Frankfurt am Main © Donation Jorn, Silkeborg by SIAE 2015 per Asger Jorn

INFO:
Co.Br.A
_ Una grande avanguardia europea
1948-1951
Roma, Fondazione Roma Museo – Palazzo Cipolla (via del Corso, 320)
4 dicembre 2015 – 3 aprile 2016
T. 06 22761260
www.mostracobraroma.it
www.fondazioneromamuseo.it
 
Un estratto da questo articolo è stato pubblicato sulla rivista (cartacea e web) Artribune.

•••

Lascia un commento