I multipli di Nannucci

in: Artists nessun commento

È la prima volta che Maurizio Nannucci riunisce e presenta in una mostra l’intera raccolta dei suoi neon multiples, perlopiù editi da/per istituzioni e musei (la Fondazione Beyeler di Basilea, lo Sprengel Museum di Hannover, il Kunstverein di Colonia e quello di Francoforte).

 Think, 2016 neon, cm 33 x 8 x 3.5  multiplo versione blu di serie in tre colori (blu, rosso, giallo), totale 21 esemplari firmati e numerati (prodotto per la mostra “Think”, COLLI independent art gallery, Roma giugno 2016 )
Think, 2016
neon, cm 33 x 8 x 3.5
multiplo versione blu di serie in tre colori (blu, rosso, giallo), totale 21 esemplari firmati e numerati
(prodotto per la mostra “Think”, COLLI independent art gallery, Roma giugno 2016 )

La mostra Think/Neon Multiples è ospitata, fino al 30 luglio, da COLLI independent art gallery, spazio romano dedicato a progetti editoriali printed matter, bookworks e opere pubblicazioni. La mostra offre una ricognizione mirata sulle opere multiple in neon di Nannucci, dalle prime degli anni Settanta, come Asred, Quasi infinito e Out of the blue, alle più recenti Look e Listen to your eyes. Ma se queste ultime ormai non sono più disponibili, Nannucci ha scelto di realizzarne una appositamente per questa mostra, in collaborazione con la galleria: “Think” (cm 33 x 8 x 3.5) è disponibile in 7 esemplari firmati e numerati, ognuno dei quali è declinato in tre varianti cromatiche (rosso, giallo, blu). I piccoli multipli sono sempre inseriti in teche lignee utili non solo per la conservazione del pezzo e garanzia di autenticità dell’opere, ma per Nannucci come pretesto per riflettere su la relazione contenitore/contenuto e spazio/opera. I piccoli neon posizionati in alto e lateralmente sulle pareti del wite cube offrono al fruitore la possibilità di percepire lo spazio nella sua totalità; da sempre la relazione dell’opera nello spazio è una componente centrale del lavoro dell’artista, interprete primario dell’integrazione poetica della luce al neon nell’architettura.

 installation view
installation view

Nato nel 1939, Nannucci si inserisce nel paesaggio sperimentale della poesia visiva e sonora degli anni ’65-’75. Ne sono testimonianza i suoi diversi approcci espressivi: opere visive e audiovisive, performance, libri d’artista, serie fotografiche. Nel ’67 con l’opera Alfabeto fonetico, incomincia a lavorare con la luce al neon e la scrittura, attraverso le selezioni di parole, citazioni e paradossi filosofici. Nannucci ci invita ad esplorare ciò che va oltre il comune senso di verità, elevando la scrittura luminosa a mezzo di riflessione, proponendo, così, un opera più meditativa che contemplativa. La mostra Think sottolinea ancora una volta quanto è determinante per l’artista la ricerca attorno al concetto di riproducibilità dell’opera d’arte teorizzato da Benjamin, che, liberatasi da accezioni quali quelle di unicità e irripetibilità, si è gradualmente aperta ad una dimensione nuova e democratica, disseminata e moltiplicata. È da questi presupposti e da queste tematiche che nasce un corpus di oltre trecento edizioni tra libri d’artista, multipli, dischi, manifesti, stampe, fotografie, ephemera, audiovisivi e neon che documentano i vari momenti della sua eccezionale ricerca, che trova pochi eguali nel panorama dell’arte contemporanea. Questa pluralità di mezzi, è la testimonianza di una pratica artistica e di una creatività interdisciplinare che spazia tra più campi e discipline, superando le separazioni e le gerarchie esistenti tra i vari media.

Dettaglio teca esposta nello spazio COLLI independent art gallery, Roma giugno 2016 In primo piano:  Multibox, Firenze, Centro ricerche estetiche f/uno, 1969 / 10 ex. numerati e firmati / 28x51x38 cm, Multiplo Neon / box in legno contenente multipli di sette artisti incluso Box di Maurizio Nannucci. Asred, Francoforte, Frankfurter Kunstverein, 1985 / 15 ex. numerati e firmati / 7x26x3 cm Multiplo Neon / scatola in cartone / neon, vetro rosso Dettaglio teca esposta nello spazio COLLI independent art gallery, Roma giugno 2016
In primo piano:
Multibox, Firenze, Centro ricerche estetiche f/uno, 1969 / 10 ex. numerati e firmati / 28x51x38 cm, Multiplo Neon / box in legno contenente multipli di sette artisti incluso Box di Maurizio Nannucci. Asred, Francoforte, Frankfurter Kunstverein, 1985 / 15 ex. numerati e firmati / 7x26x3 cm
Multiplo Neon / scatola in cartone / neon, vetro rosso

Nannucci, infatti, svolge parallelamente anche un’intensa attività editoriale, iniziata negli anni Sessanta con le pubblicazioni Exempla che prosegue ancor oggi con le edizioni di Zona Archives e Recorthings, pubblicando libri e dischi d’artista, multipli e documenti di altri artisti, molti dei quali suoi compagni di strada e che con lui hanno contribuito all’affermarsi del concetto di riproducibilità dell’opera d’arte. Presto sarà presentato da COLLI il volume ED/MN (ndr. Edizioni Maurizio Nannucci), catalogo ragionato che raccoglie tutte le edizioni e tutti i multipli dal 1967 ad oggi, edito da Viaindustriae con Colli publishing platform Roma 2016, sarà poi in vendita in galleria e in distribuzione nelle librerie.

Fino al 30 luglio 2016
Info: www.colli-independent.com

Articolo pubblicato su Inside art, (13 giugno 2016)

•••

Lascia un commento